python

September rain…Stivali da Pioggia Hunter F/W2011-2012

Ciao Gomitolini,

lo scorso anno trattavamo lo stesso tema, prendendo spunto dall’offerta che il mercato (appena svegliato, per quanto concerne i wellies boot) aveva in serbo per noi. Pieno, pienissimo boom per gli Hunter, anche altri brand si erano mossi per prender parte a questa moda nei modi più vari: super lusso, coloratissimi, particolari, stampati, classici..Tutti, comunque, costosi. Ormai, visto quanti ne sono riapparsi nelle vetrine, posso fissare lo stivale di gomma esclusivo e lussuoso nel’empireo delle calzature “must have”. Procediamo.

Ma come hanno fatto le scarpe di gomma a raggiungere uno status del genere? Semplicemente hanno la massima versatilità, nella forma e nei colori, possono essere modellate e stampate all’infinito, sfregate contro i sassi dei marciapiedi bagnati dalla pioggia senza timore, e, ammettiamolo: ultimamente ne sono stati partoriti modelli molto fashion, quasi sexy (vedi Vuitton).

Potrei anche tollerare che uno stivale di una nota griffe d’alta moda si faccia pagare “il nome”, anche se realizzato in gomma, a prezzi un tantino esosi, il lusso non conosce valore di mercato scisso dal suo “nome/genio che firma”.

(Sebbene si dica che il vero lusso non sia indossare firme, ma il proprio stile su misura, con estrema cura dei dettagli, uhm.. 😉 )

Insomma tutto questo giro atto a giustificare una spesa che si aggira sui 200€ per una calzatura che nemmeno tiene caldo ai piedi (anzi)! Ahahah, non sono d’accordo assolutamente, però è questa l’offerta!

Hanno abbandonato la scena “cheap” anche i cari Hunter.

Esatto:

Questa versione, presentata come novità, mostra un certo rinnovo nel look, che si fa più slanciato e sembra arrivare direttamente dal mondo dell’equitazione. Curati i dettagli e molto chic la scelta dei colori. Però…200€?? Per degli Hunter? Ma dico, gli Hunter, quelli dei cacciatori inglesi?? Vabbè, continuiamo.

Questo modello è molto più fedele a quello originale, semplice e pratico, con la sua suola carrarmato (grande tendenza per questo inverno 2011-2012) per “grippare” anche sul prato più scivoloso, ma con una marcia in più! L’effetto pitonato,  già apparso nella scorsa stagione sottoforma di coccodrillo, che proprio non poteva mancare, viste le previsioni-tendenze moda. Prezzo: 159€. Quasi centossessanta euro per uno stivale di gomma che è stato stampato con l’effetto serpente?? Ma…??? C’è di peggio.

Il normalissimo stivale Hunter, nemmeno effetto glossy o colore moda del momento. Il colore normale, quello che han sempre fatto per soddisfare le esigenze dei contadini/cacciatori di casa in UK. Nemmeno con la versione “adattabile ed espandibile” sul polpaccio. Vi ricordate i bei tempi, quando con 70/80€ (già un prezzo di tutto …”rispetto”) veli portavate a casa? Bene, dimenticate pure. Ora costano 110€. Centodieci pienissimi euro per uno stivale in gomma, sì certo, fatto benissimo e con grande cura (ho visto una puntata di “Come è Fatto”su Sky, e devo ammettere che si impegnano!) ma sempre stivali-di-gomma Hunter.

(tutto LUISAVIAROMA)

Certo, l’offerta sale e di conseguenza anche i prezzi…ma come biasimare chi, magari seguendo un ragionamento, anche opinabile, ok, a questo punto decidesse di acquistare la versione griffata “per davvero”? Non so a questo punto cosa sia consigliabile…

Sì, forse ho una soluzioncina per voi ce l’ho.

Temporanea (fatevi sotto finchè ce ne sono!), ma furba: quali sono gli Hunter più fighi ed esclusivi? Ma, ovvio, quelli in collaborazione con Jimmy Choo.

Da brave: andate sul sito di JimmyChoo nella sezione saldi e sbizzarritevi con gli Hunter in saldo!

Il modello in mock-crock argento (entrambi grandissime tendenze per questa ‘brutta’ stagione)  a 99$

E c’è anche la versione bassa blu navy, identico prezzo e l’elegantissima variante nera con hardware dorato a 15o$ circa.

E dire che “normalmente” queste versioni personalizzare per Choo, che sono state riproposte quest’anno, costano l’ira degli dei. Più di 350$!

Se volete togliervi lo sfizio, prego! Sono rimaste diverse taglie 😉

(Stesso dicasi per gli amaodiati UGGs. Ecco, se vi piacevano quelle tutti stellosi/sfrangioni/borchiati di Choo, sono scontatissimi)

Spero vi piaccia questa trovata!

Baci,

(Sì vi sto rompendo le palle con Choo, ultimamente, però…mica potevo trattenermi! 😉 )

Momo

Oh, no! Ho finito l’ispirazione, me ne presti un po’ della tua?

Come ogni shoeaholic che si rispetti annuso una copia lontano chilometri, esattamente come indovino un modello dal giornale senza leggere la didascalia (è il mio gioco preferito e vinco sempre!! *_*).

Ok, passiamo ai miei avvistamenti di questa puntata…si parla di Ispirazione Presa in Prestito!!

Settimane fa, la nostra amica Fashion Cat ci presentava le nuove leccornie Zara, tra i quali spiccava l’uso massiccio del pitone: trend di gran grido questa Fall/Winter.

Tra questi, uno stivale dall’aria un po’ dimessa, un pelino da donna matura se vogliano, con tacco medio tozzarello e gambale senza forma, stampa pitone…

Lo ammetto, io li ho amati subito: insomma sono pelle stampa pitone, hanno un prezzo accessibile per quello che sono e mi piacciono. Punto. I love Menopausa Style. Picchiatemi! No, davvero c’è un motivo per cui il mio radar ha puntato questo modello: non si sbaglia mai, lui.

Sono un modello di Valentino, altro porno-scarpe-designer preferito dal Gomitolo!!

Ok, ci sono delle differenze: questo è in vero (povero!) pitone, dipinto a mano, il tacco è più dignitoso e pure la punta è disegnata meglio. 1641,00€ su LUISAVIAROMA. Adesso capite perchè esiste Zara? Perchè l’amiamo??? *_* E gli perdoniamo i dettagli un po’ scadenti in nome di una scarpa comunque in pelle e carina? Suvvìa.

Ovviamente, se mai avrò il modello di Zara sarà coi saldi, as usual.

Parlavamo nell’ultimo post degli stivali di Prada, quelli con la finta maryjane ad effetto tromp l’oeil…

Ed ecco invece l’originale operato di Paciotti, che aveva finito l’ispirazione

(Quelli al centro, ho fotografato direttamente Elle Settembre, non ho trovato un immagine decente su internet)

Molto originali, nevvero? Forse la proposta pradesca è più signorile…quella paciottiana decisamente aggressiva e da falcata felina…mah.

Almeno si fosse limitato all’effetto finta scarpa, ma con un altro genere: maryjane contro maryjane…è proprio scopiazzato!

Voi che ne dite?

Baci

Momo