outfit

Piccolo Outfit Gomitolo #2

Non ho un eccesso di ego XD ho solo i giorni liberi vicini e questo significa vestirsi in modo normale!

Io lavoro in uniforme, quindi indosso solo quella quando abito a Brescia, ma appena torno a Lodi….zac 😀 rimetto i panni gomitoli!

Una delle cose più carine è che passo tutto il resto del tempo a scegliere i vestiti da indossare nel giorno libero ahaha :3 è anche un modo simpatico per tenere d’occhio l’armadio e usare tutto, così facendo sto rendo giustizia a tutte le mie gonnelline e calze! Troppo contenta!

Questo il look di ieri :3

2014-01-19 20.04.51

Questa è brutta ma l’unica con la faccia visibile 😛 devo imparare bene!

2014-01-19 20.05.03

 

2014-01-19 20.05.11

 

2014-01-19 20.05.17

 

2014-01-19 20.05.49

 

Questa foto mi fa sentire particolarmente felice, si potesse migliorare nei colori la stamperei ç_ç (si può?)

 

Cosa indosso?

-Gonna Ovs dopo il trattamento “accorcia-accorcia”

-Maglione ENORMEH con i gattini OVS

– Calze di cotone a righe Calzedonia

-Stivali Pittarello Rosso (pioveva)

– Cerchietto con le roselline e le borchie killer Claire’s

 

Sto amando i maglioni enormih, e le calze pesantine. INVECCHIO.

Per oggi è tutto tuttissimo, alla prossima :3

 

Momo

 

 

 

 

Mini Outfit of the day Gomitolo :3 #1

Sto iniziando timidamente a rilasciare foto outfit, un po’ di autostima e coraggio….e via foto intere da pubblicare qui XD hahaha

Mi vergogno ancora tantissimo, ma i frutti della dieta sono evidenti ora e  un po’ mi sento felice.

Quello che voglio presentarvi oggi è un tipico outfit Gomitolo, e vi spiego perchè 😉

2014-01-16 21.27.11 2014-01-16 21.27.47 2014-01-16 21.28.05

 

Il Gomitolo invernale sfoggia sempe look un po’ preppy, un po’ college e tanto tanto tanto mangosi.

Il tutto gioca su semplici accostamenti di base: gonna corta corta a pieghe, grinzine, qualsiasi cosa purchè sia vaporosa!, maglioncino college, tinta unita o a rombi/fantasia, calze opache e stivali (alti o bassi alla caviglia)

Immancabile il cerchietto, che tranne rari casi è sempre molto vistoso e particolare. Manca del tutto la bigiotteria, la borsa è sempre capiente e in tinta.

Come cappotto ho sempre una versione lunga e doppiopetto in lana, con lunga intendo alle caviglie: nero o verde o cammello.

Qui indosso:

– Vecchissimo maglione Sisley, ancora di quelli 100% lana

– Gonna OVS linea Baby Angels acquistata con Elly questa estate

– calze autoreggenti in lana sofficiona di Calzedonia

– Stivali Pittarello

–  Cerchietto Almaplena

 

Nulla di costoso ^_^

2014-01-16 21.28.51

 

Aggiungo un inquietante faccia in primo piano XD

 

Ve lo immaginavate così il Gomitolo?

Icci!

 

Momo

Rotocalco del Gomitolo Special Edition! Colloqui di lavoro: Outfit

Beh, carissimi Gomitolini miei,

sapete che sto per muovermi verso il mio sogno vero?A quanto pare, almeno qua, ce l’ho fatta e corono il mio desiderio di convivenza con il fidanzato!

Allora la domanda..come mai proprio adesso? Ma cari miei, semplicemente perchè smetto (forzosamente) di lavorare a Lodi e quindi scatta il momento di cercarsi un nuovo posto apporta-pecunia. Cercare lavoro in un città distante centinaia di km da casa-base non è facile…immaginate di dover fissare l’appuntamento per il giorno dopo, a Torino, con due ore di viaggio minimo e perndere il permesso/ferie all’ultimo momento per andarci: troppe incognite che possono far saltare la funzione..L’ho fatto per una decina di volte…estenuante. Ho quindi pensato di rimandare la ricerca a trasferimento effettuato. Rischioso? Non più di tanto. Da disoccupata avranno anche incentivi (economici) per assumermi. Tiè.

Allora, di cosa volevo parlarvi oggi? Di scarpe? Anche, ma non solo! 😀 Oggi trattiamo l’argomento “Prepararsi per un Colloquio FISICAMENTE”, ovvero, ok la preparazione mentale e il curriculum fresco di aggiornamenti, ma anche l’aspetto è importantissimo. Non avete idea di quanto, purtroppo, dico! Ecco il frutto delle mie esperienze! Allora, in primis: essere noi stesse? Sì o no?

Si, è importantissimo cercare di non indossare una maschera finta come una moneta da 3 euro. Non inguainiamoci in un tailleur della mamma (direttamente dagli anni ’90) solo per apparire più professionali…immaginate solo. Dobbiamo indossare, invece, i nostri capi preferiti, ma con un deciso occhio alla sobrietà: nei colori e nei dettagli. Perchè niente colori forti e stampe/ accessori vistosi? Perchè distraggono! Non vorrete che mentre state parlando il vostro “esaminatore” si concentri sul vostro fiocco nei capelli o resti ipnotizzato dalla vostra camicia fuxia…tantomeno dalla borsa fluo o dai tacchi porno. E’ indiffente che sia uomo o donna…quante volte (se siete donne) vi siete perse sull’anello da cocktail/cerchietto (che avete scoperto volere a tutti i costi) della vostra amica senza ricordare una sua parola? A me tantissime volte. Con le scarpe, ovviamente.

Quindi, ok agli accessori che vi contraddistinguono ma nei colori più neutri possibili e ridotti nelle dimensioni. Un po’ insignificanti, forse, ma è quello il punto. Non dovete essere ricordate come l’anello con il fiocco di Accessorize, ma per le vostre qualità.

Cura della persona.

Prima degli abiti, pensiamo a mani, viso e parti scoperte. Dovrete sempre essere fresche di tintoria (doccia, capelli, e parrucco), con una piega ai capelli semplice e curata (se lunghi, via libera alla piastra o alle onde sulle punte, ma i ricci/boccoli solo se naturali, con il ferro ..No: distraggono), sopracciglia a posto, mani in ordine..

Il Trucco:

Ottimizzate la base del viso con correttore/fondo e cipria, se usate: occhi delineati con eyeliner/kohol, ombretto chiaro neutro con un po’ di scuro alla piega ( giusto un filo, per dare profondità), una passata di mascara e bon. Piacciono le facce pulite, eh. Poi si lavora di giorno (prevalentemente) e per sbizzarrirci c’è tempo, post assunzione, OVVIO. Niente gloss, burrocacao e via. Distrae anche quello, e a molti uomini fa pure schifo ç_ç. Al massimo un velo di rossetto chiaro, non brilloso. Lo smalto nero/colori choc e scuri: NO! Pensate che ad esaminarvi non ci sarà una sapiente di moda o una ragazza..al 90% avrà 40/50 anni, se è una donna…E’ poi, purtroppo, lo smalto (anche quello rosso) è sinonimo di frivolezza…’ppalle, vero, ma noi vogliamo farci assumere: per oggi: smalto rosa pastello 😀

Outfit: Ho preparato alcuni esempi su polyvore (un po’ perchè è comodo da usare, un po’ perchè mi diverto e un po’ per dare colore al post megascritto) cercando di essere sobria, ma non pallosa. Ditemi voi:

Dressy: la gonna! Fa subito eleganza la gonna al ginocchio, che sia aderente o morbida. Banditi i colori sgargianti o le stampe optical, ok le camiciole ma senza troppi fronzoli.

Se la gonna non fa per voi, e vi sentite fuori luogo senza jeans…c’è da sbizzarrisi!

Basta ricordare che strappi e scoloriture non sono proprio chic, tantomeno borchie e catene. I lavaggi van bene tutti, anche i colori pastello, magari eviterei il pantalone bianco.

Le scarpe

Assolutamente vietati i sandali, soprattutto gladiator o le ciabattine: il piede scoperto non è molto chic. Via libera a ballerine carine, non “sportive”, nei toni neutri o pastello, peeptoe e decollete mid heel (max tacco 7).Ok i polacchini tipo clarks e le strigate. Non è il caso di indossare tacchi da urlo o colori sgargianti, non c’è cosa peggiore dell’espressione contrita dal dolore per un tacco fuori luogo…se vi faranno aspettare in piedi, così non ci saranno problemi. E poi..possono distrarre..ricordiamocelo ç_ç!

Accessori: semplici e pochi, in linea con l’abbigliamento, meglio evitare quelli troppo “infantili” tipo fiocchi e charms smaltati  (che io amo, ma che sfoggio solo poi ;D).

Vi è piaciuto questo post? 😀

Spero sia stato interessante ^_^

Baci,

Momo