net

ShoeRoom #56 Gianni Marra e la scarpetta da BlackWidow

Tornata. Scrivo da Lodi.

 

Lacrime, tristezza e sentimento fragile.

 

Ok, passiamo alle cose che ci piacciono: oggi propongo una scarpetta che ho comprato lo scorso anno, prese su E-bay <3, sono le scarpe più LadyVedova che ho XD! Ve le presento piano piano con tante bell  brutte fotografie prodotte dalle mie manine:

Sono di Gianni Marra, uno dei marchi che preferisco per le scarpette everyday di qualità, tutte in camoscio nero con una marcia in più data dal fiocco in reticella elastica che avvolge il collo del piede. La forma della deco è la più classica con punta a cuore, un filo di plateau interno a dare struttura e tacco a stiletto da 11 cm.

Schermata 2013-03-01 a 22.52.39

Scusate la luce schifosa.

Scusate il fuorifuoco. Davvero sono un’incapace del click.

Marra è una firma che mi garantisce sempre ottimi materiali e fattura molto buona: queste scarpe sono davvero comode e porto il 37 pulito. La punta non è troppo stretta e il metatarso è libero di piegarsi senza implodere nel dolore: con il plateau interno spesso mi capita…è perchè c’è poco spazio ç_ç

La tomaia è un blocco unico di camoscio nero sofficissimo, in foto sembra consumato, ma in realtà è di un bel nero intenso. Il fiocco è costruito con una fettuccia di rete elastica cucita sul tallone, libera ai lati e di nuovo fissata sullo scollo con un bel fiocco vaporoso.

Schermata 2013-03-01 a 22.55.50

E’ un elastico davvero soffice, come fosse il materiale delle calze ;D non lascia alcun segno.

Lo scollo è meravigliosamente aperto, e lascia intravedere le dita, per me è un dettaglio irrinunciabile nelle scarpe da sera.

Il tacco è 10 cm come dislivello, ma 11cm per intero, con 1 cm di plateau nascosto, tutto sommato molto comodo e reso portabile dalla straordinaria stabilità di questa calzatura: è cosa rara e giuro che fa la differenza. Le Pigalle sono un 12 secco, ma portabile proprio perchè stabili! In ogni caso, anche il tacco è ricoperto con lo stesso camoscio della tomaia e molto slanciato.

Schermata 2013-03-01 a 22.56.28 Schermata 2013-03-01 a 22.55.05

 

Come vi dicevo queste scarpette le ho comprate su E-Bay, a Luglio, per una cira davvero ridicola: 40€ + 10 di spedizione, assolutamente nuove e con scatola. Un vero affare, normalmente Marra viaggia sulle 200€ al paio. Sono bellissime con delle calze a contrasto, magari borgogna o verde bosco *__* Però sul piede nudo è love puro!

Schermata 2013-03-01 a 22.57.16

 

Sono tra le mie preferite, anche perchè calzano alla perfezione *_*

Ricapitolando:

 

MODELLO: Decolleteè classica con applicazioni

MARCA: Gianni Marra

COLORE: nero

TOMAIA: vera pelle scamosciata

SUOLA E LINING: vero cuoio e nappa rosa

TACCO: 11 cm con 1 cm di plateau, a stiletto

PUNTA: a cuore con plateau interno

ACQUISTATE: Luglio 2012

 

 

A botta arrivano anche le Cinti vintage like 😀

Che mi dite?

 

Baci

 

Momo

 

 

L’amour.. Mai Lamore. Un genio puro, con un pizzico di kitsch.

Giri il web e rincontri un vecchio amore. Per l’appunto ricordi che il nome della designer era qualcosa che suonava simile ad amore, cuore…ehm…..MAI LAMORE! Eccolo ^_^

Non sono una cosa grandiosa? Ovviamente eccessive, eye-catcher, esageratamente burlesque, ma è proprio questo il loro bello. L’essere il pezzo unico, forte, indiscusso dell’insieme: perfette con un abitino nero molto sobrio. Nient’altro.

Una parola sul Brand/designer: si chiama Mai Lamore, qua il pdf con la sua bio completa http://harow.free.fr/mailamore/bioan.pdf , è nata in Africa e da lì prende la sua ispirazione per le sue creazioni calzaturiere, che possono apparire anche così kitsch da rischiare di bruciare la retina, ma sono dannatamente uniche e “molto personali”. Sono sempre felicissima quando scopro un designer che possa meritare di portare questo titolo. Ovviamente lanciata nell’empireo dei grandi della calzatura dal miglior palco del settore, Parigi, ha un monomarca e diversi rivenditori, ma sono certa lavori moltissimo sulla sua sezione Haute Couture, i modelli pià eccentrici e personalizzati (come quello qua sopra).

Non è possibile trovare molte info di prima mano su di lei, peccato, ma sappiano che molte, molte riviste di moda, delle pià rinomate, hanno celebrato le sue creazioni immortalandole negli shooting. E’ sintomo di potenziale in agguato 😉 Non è possibile sapere quali sono i prezzi di queste creature: come nelle boutique dei grandi maestri calzaturieri del passato non possiamo conoscere il prezzo prima di entrare in negozio. So chic.

Abbiamo molte collezioni, tutte a tema, alcune più semplici e altre decisamente pazze (con qualche pezzo orrendo, ovvio ;D non possono mancare) e ho scelto di mostrarvi un piccole selezione gomitola, per farvi conoscere questa fetta di cielo.

Ci sono due macroselezioni, Haute Couture, come vi dicevo prima, e la Pret a Porter.

Inizio dalla Pret a Porter,

Semplice pump a punta, classica in una morbida nuance Teal, carino il dettaglio sul tacco. Belle e semplici.

Semplicemene spettacolare, questa maryjane in raso rosso fiamma con tacco laminato (non ricorda le scarpe a zampetta di Vuitton? Beh, queste ci sono da un bel pezzo!) e chiusura a bottoncino (questo dettaglio mi ricorda le Ladydragon). Adoro.

Delizioso sandalo sempre in tessuto con tacco effetto nodo (anche un po’ effetto ossicino di pollo, brrr), abbiamo capito che questa designer fa del tacco scultura la sua firma 😉 Però le tomaie sono un opera d’arte, così ben pensare e proporzionate.

Che dire, stessa idea del tacco zampina, ma in versione zeppa: tutto coperto dalla stessa pelle a texture cocco in un colore pieno e vibrante. La zeppa in questione è cosa da intenditori, d’accordo, non tutti digeriranno la forma eccentrica, ma la tomaia…è un sogno! Quell’open toe!

Le saette di Zeus sotto i piedi della regina dell’Olimpo? Idea vecchia, ne convengo, ci aveva già pensato DSquared2, però con questa reinterpretazione vintage like (lo scollo a V sulle deco è il mio feticcio del momento), la saetta dorata sembra conferire un aria retro-futurustica a queste meravilglie sempre in satin. Con queste ai piedi ogni cosa diventerà sottofondo d’immagine. VOGLIO.

La collezione HAUTE COUTURE, serba invece qualche brutta sorpresina…ma anche meraviglie!

Le bellissime scarpe a forma di rosa che avete visto nella prima foto fanno parte della collezione Sentiment Profond (e sono l’unica creatura degna di nota della serie), ecco cosa segue:

Singolare deco in satin rosso rubino ricoperte da una fina rete dorata, molto navy e davvero retro, una volta era uso applicare pazzie alle scarpe, le amo! E’ filo d’oro, non oso immaginarne il prezzo.

Sandalo forte, molto fetish, però particolarissimo e davvero alto. Tacco a gambetta, e catenina vera come laccetto. Così potenti che resistergli è impossibile. *_*

Assurde vero? Sembra che qualcuno le abbia lasciate in soffitta per secoli a far polvere, eppure sono così speciali, molto festaiole adatte a super occasioni, in cui osare è la parola d’ordine! Non per serate mondane senza tappeto rosso. E’ un piccolo picchio quello sul tacco? E il tallone che replica il nido?? 😀 Pazze ma d’effetto.

ADR dice che le piume sono sempre splendide, io le do ragione. Poco pratiche, si rovinano, ma sono splendide! Una deco fortissima e da sera. Anzi da Gran Sera al teatro!

Sembrano avere uno strano peep toe, ma se non è troppo a feritoia (effetto zoccolo di mucca? no grazie) potrebbe svelare una calzatura particolarissima e adatta anche una sposa. Certo una che sappia osare, dopotutto si vedono certi abiti mega carichi abbinati alle solite, yaaaawn, scarpe perlee bianche tacco 8. Queste piume sono molto Carrie. Anche se al suo matrimonio (quello andato male) il pennuto l’aveva in testa.

Via con gli orroriii!

Sarà anche visone (ç_ç) ma sembra moquette, orrore per la stampa degna del peggiore dei tappetini da tamarro, in questo caso il tacco a zampina non rende giustizia alla sua scattante natura, no, la scarpa è decisamente pesante goffa e bruttarella.

Un povero visone ha dato la vita per rendere possibile la realizzazione di questa COSA. Brutta la forma, il soggetto è decisamente grottesco, sgraziato e poco adatto alla posizione. La coda poi, LA CODA! Che striscia a terra impietosa…pronta a spazzare il pavimento di ogni festa…decisamente ORRORE.

Ci sono un altro paio di assurdità, ma vi lascio il piacere di scoprirle sul sito, sotto ad ogni foto qua riportata ho lasciato anche il dettaglio del commento, modello e collezione, semmai voleste mettervi a cercarle (io lo farò di sicuro!).

Che ne dite?

Baci,

Momo