ebay

Rotocalco Del Gomitolo: Come procedere con un inserzione genuina. Ebay-Vol2 (piccola guida Sergio Rossi)

 Nel nostro scorso incontro, abbiamo tratteggiato le caratteristiche che una inserzione “fruibile” debba avere, ora entriamo più nel dettaglio per garantirci che queste belle offerte siano anche oneste 😀 Sarò una rompiballe, ma detesto le truffe e chi ci campa sopra!

Propongo di seguito un esempio di tour guidato virtuale per l’acquisto di un prodotto, al solo scopo di mostrare i vari passaggi, può essere declinata per ogni oggetto e ogni marca.

ESEMPIO: voglio acquistare una “Scarpa Sergio Rossi” su Ebay Italia (per le versioni estere ci sarà un compendio a parte)

Dobbiamo effettuare da zero la ricerca, innanzitutto selezioniamo Ebay Classico, gli annunci non sono tutelati e non li considero neppure. Adesso cosa inserirò nello spazio della ricerca? Solo “Sergio Rossi”, e nulla più, altrimenti incasineremo il motore di ricerca (già di suo una vera ciofeca), solo poi andremo ad affinare i dati. Magari potrebbe venirci in mente di arricchire la ricerca scrivendoci anche “decollete”, “sandalo” “tacchi”…NO! Pensateci: quanti modi esitono per scrivere la parola “decollete”?? Uno: Decolletee, ma purtroppo le interpretazioni personali sono innumerevoli, senza contare, poi, che il venditore magari non lo scrive neppure nell’inerzione, catalogandole come “tacchi” o “scarpa donna”…forse con qualche errore di battitura….la mente umana è troppo varia (o avariata..in certi, infausti, casi), meglio andare sul sicuro.

Dopo aver messo il brand di riferimento, usciranno tutte le voci di riferimento, adesso affiniamo la ricerca selezionando la categoria che ci interessa: in questo caso “scarpe donna” dalla colonna a sinistra dove sono elencate. Ora, sempre nella colonna di filtro della ricerca selezioniamo il numero interessato nella sezione “taglia”, ponetevi anche un margine, per esempio: portate il 37? Allora selezionate i numeri 36.5, 37, 37.5 o al massimo 38 (il numero in più solo per le scarpe chiuse e quello mezzo in meno per le aperte) considerando che alcune marche calzano più morbido o più stretto del solito (per questo motivo possiamo anche cercare su google eventuali forum che parlano :D).

Così facendo avremo spremuto Ebay: ci apparirà tutto il “Sergio Rossi” che può andare bene come numero nella sezione “scarpe donna”. Ricordo che ogni parola aggiunta al tool di ricerca ci complica la vita…un vero peccato. Ora: teniamo in considerazione solo le inserzioni che hanno foto “casalinghe” ( o nel negozio, ma vere, scattate dl venditore), niente foto di Yoox, del sito della casa di moda o da Google.

Esempio foto “casalinga” fatta a casa e fatta in negozio:

Esempio di fotografie prese da siti o da Yoox (le prime sono chiaramente opera di fotografi professionisti e hanno sfondi bianchi o creati ad arte, le secone hanno la classica impostazione per visualizzarle da due angolazioni e lo sfondo grigino) :

 

Cominciamo ad “osservare” (mettere negli oggetti osservati) tutto quello che ci piace, dovremo assolutamente passare al setaccio tutte le pagine che vi sono uscite, per garantire una ricerca fruttuosa. A “spulciata finita” andiamo nel nostro e-bay e leggiamo con attenzione tutte le inserzioni scelte: i venditori stanno vendendo un prodotto di qualità, si tartta di qualcuno che o le ha possedute oppure le ha da vendere per conto terzi, in ogni caso SA cosa vende (deve saperlo), non sono ammessi tentennamenti sulla sicurezza circa l’originalità del prodotto, bauli della nonna (che non esistono dallo scorso secolo), errori grammaticali feroci o scarsa cura dell’inserzione. Soprattutto non fidiamoci di chi vedende per “doppio regalo”, “Regalo sgradito”, perchè sono BALLE. Davvero: voi svendereste a 50/70€ un paio (casualmente) di Louboutin solo perchè regalo dell’ “ex” cattivone? Beh seguendo questa logica dovrei sgombrare un quinto della mia scarpiera..COL PIFFERO.

Ci accorgeremo che le inserizioni più vantaggiose riguardano modelli di parecchie collezioni fa: se qualcuna di voi cerca l’ultima collezione,o quasi, consiglio di puntare il sito Yoox, su Ebay gli oggetti troppo succulenti e desiderati a prezzacci sono sempre fregature. Ora verifichiamo il nostro “potenziale” bottino nel “Mio Ebay”, una manciata di inserzioni dovremmo averla raccolta. Di queste, terremo in considerazione solo quelle che scadono oltre le 48 ore dopo, le altre le terremo per sicurezza negli osservati senza fare nulla, potrebbero non essere vendute e riapparire come “oggetto rimesso in vendita”, purtroppo non hanno tempo sufficiente per i nostri “accertamenti” di rito, ma  non tutto è perduto, Gomitolini!! Eliminiamo, invece, per sempre quelle che “puzzano di tarocco”. Segnaliamo i tarrocconi ad Ebay, è bene che questo diventi un mondo migliore.

Le inserzioni che invece hanno una scadenza più lunga saranno oggetto delle nostre DOMANDE SMASCHERANTI, da porre per ogni inserzione.

A prescindere al numero, dal colore, e dalle foto offerte nell’inserzione cominciamo a chiedere:

– Lunghezza della soletta interna (se le scarpe sono a punta deve essere 1 cm in più) se tonde 1/2 cm in più) misurata con cura.

– altezza del tacco veritiera, misurata all’americana*, ovvero tutto il tacco nel unto più alto dietro, per avere una corretta idea della portabilità.

– colore vero e proprio(le foto sono spesso flashate e, quindi,  ingannevoli)

– in quale materiale sono realizzate, se sono morbide e se sono foderate in fibre naturali, pelle, o meno (L’interno di una Sergio Rossi deve essere di pelle, la tomaia di materiali lussuosi, suola cuoio e tacco non da meno).

– Se sono munite di scatole e sacchetto antipolvere (se sono usate possono averlo perso, ci sta, e se sono Vintage potrebbero non averlo)

– Foto della Suola (rompere le palle è un nostro diritto di compratore non mi stancherò mai di dirlo!!) La suola delle S.Rossi nuove delle ultime collezioni presenta un pezzetto di metallo dorato di forma ovale messa per orizzontale, potrete verificarlo dal sito di LuisaViaRoma (come nelle Prada di ultime generazioni, con il loro stemmino), solitamente è color naturale o nera. Nelle scarpe più “vecchie” (3/4 anni fa, il nostro target) la borchietta di metallo non c’è, la suola è sempre negli stessi colori, e presenta i gommini antiscivolo sulla punta a forma di saetta. Devono esserci le scritte impresse nel cuoio, nella zona arcuata tra tacco e pianta, che garantisono la genuinità, nella specie : Sergio Rossi o placchetta – Vero Cuoio – Made in Italy – numero della taglia  espresso secondo la numerazione Italiana**. I gommini triangolari (o a saetta, che si voglia dire) antiscivolo sulle punte credo siano appannaggio delle scarpe a punta, io purtroppo ho solo una deco a punta di Sergio Rossi, e un sandaletto, non saprei garantire per quelle tonde ^_^

– foto con  particolare delle cuciture sulla tomaia: quello che ho notato di questa marca è che non ha la solita cucitura nella parte del plantare sulla tomaia, è un pezzo unico di cuoio lavorato sulla forma, prendere nota :D.   Poi, le cuciture devono sempre essere dritte, precise, pulite, senza fili tirati o deviazioni fuori rotta, assolutamente mai una sovrapposizione!!

– Foto del tacco da dietro e di lato. Il tacco è perfettamente centrato, non deve permettere il minimo accenno a “pendere da una parte”, e la parte di cuoio applicato nel lato interno, a seguire dalla suola (Sergio Rossi difficilmente fa tacchi in plastica ^_^) deve essere perfettamente tagliata e incollata.

– chiedere se sono presenti difetti di produzione, scoloriture, graffi e altro. Spesso alcuni venditori di rifornoscono di scarti di produzione o merce proveniente dalle fiere: mettono in vendita merce sì originale, ma maturata per il bidone a furia di maltrattamenti, PAY ATTENTION.

Ok, se il venditore è una persona seria ci risponde nel giro di un giorno, e con garbo ( se sembra stronzo mandatelo a stendere, che cosa ci fa su Ebay??Dovrebbe stare in una fossa biologica!) abbiamo tutto quello che ci serve, aspettiamo tutte le risposte. Va già bene se ne otteniamo l’80% , e se alcune delle domande hanno trovato risposta nelle inserzione o vi ha mandato foto esasutive per più punti, ok non tartassatelo con richieste doppie: piuttosto, adesso tocca informarci sulla spedizione. Se presente, si dovrà ESIGERE la scatola originale, avvolta nella carta da pacchi, per la spedizione. Quest’ultima ,se effettuata in Posta, non costa più di 13€ e intedo quella di Lusso: PACCOCELERE1. Se si dovesse preferire  la spedizione ordinaria (nel caso in cui la nostra abitazione sia nei pressi di quella del venditore), non si devono mai superare i  9€ comprensivi di imballaggio. L’assicurazione è a scelta dell’acquirente e può costare qualche euro in più.  Se ci  dovessero  proporre per una ipotetica spedizione  a 20€ con un corriere si tratta sicuramente di una balla colossale, pretesa di farci ulteriore cresta: diciamo loro di fare un paccocelere 3 senza rompere troppo. Ok, a questo punto abbiamo le basi per effettuare una transazione: Ci piacciono e mantengono le caratteristiche in base alle risposte? Ok, possiamo procedere! Prepariamoci a combattere l’asta: ma non facciamoci mai prendere dall'”happy bidding delyrio”…poniamoci un limite pecuniario oltre il quale non andare (ne abbiamo pur sempre altre in cantiere, no?)e procediamo offrendo 0.50€ alla volta, soprattutto: iniziamo ad offrire a partire dagli ultimi 5 minuti, altrimenti il prezzo aumenterà senza sosta!! Quando sta per scoccare il martelletto (e circa mancano 30 sec) facciamo un offerta doppia del valore ottenutofino ad allora, es. siamo a 40€? Mettiamo un offerta massima (non è quanto pagate per davvero, ma un sistema che rilancia per voi l’offerta fino quella cifra) di 80€, le probabilità di vincere sono altissime e gli utenti non hanno tempo materiale per rilanciare troppo oltre la cifra raggiunta, al massimo sale ancora di 10€. Ottimo, ce la siamo aggiudicata! Adesso? Comunichiamo via mail al venditore che ci siemo aggiudicati l’asta e se presente (deve esserlo) paghiamo subito con paypal, non diamo tempo e modo di chiederci la ricarica Postepay..rischiosissima: ebay ci dice ciao ciao in caso di “inganno”!

Adesso aspettiamo il tempo solito (tenendo sempre contatti col venditore per sapere a che stato è la spedizione!): al massimo 10 gg dovremmo ricevere tutto, WOOOOW il mio momento preferito subito dopo essermi aggiudicata l’asta!!

Apriamo il pacco e guardiamo la merce appena arrivata con il microscopio: vediamo se è stato corretto e le foto non erano ritoccate,  poi lasciamo un ONESTO feedback, bando ai sentimentalismi…se sono orride va scritto, al contrario: dimostriamo tutta la nostra gratitudine.

Sperando di esservi stata utile,

Momo Saluta e manda tanti baci ^_^

a presto!!

* Prossimamente parleremo di come si misura un tacco.

** Non mancherà un dossier sui tipi di numerazione esistenti al mondo per le calzature!!

Rotocalco del Gomitolo “Ebay – Riconoscere un’inserzione genuina Vol 1”

Molti di noi hanno ceduto al fascino e alla tentazione dei prezzi di Ebay.
Ci siamo registrati nella speranza di trovare il vello d’oro al prezzo di un tollino, e spesso ci siamo ritrovate con una sola ç_ç …una storia davvero ripetitiva, quella delle fregature su Ebay.

Non mi stancherò mai di dirlo, non ci sono posti in cui le fregature sono garantite al 100%, poichè è la nostra mano a pagare, o a clickare su conferma offerta. Ci sono regole da leggersi prima, opinioni sui prodotti in quantità e il libero arbirio: possiamo evitare una buona parte di furti ingiustificati aguzzando l’occhio, allenandoci all’interpretazione delle “scritture delle inserzioni”, si ci andrebbe una Stele di Rosetta, alle volte, ma soprattutto, dobbiamo saper muoverci nei versi giusti.
Perchè mi permetto di dare consigli sull’utilizzo di questo sito di asteon line? Lo uso da 7 anni. Sono tanti, e ho sia acquistato che venduto. All’inizio mi sono fatta prendere in giro: acquistavo alla cieca e spesso o sovrapagato abiti usati e borsette di lana…le mie manie di allora, ma posso tranquillamente dire che sulle firme sono sempre andata coi piedi di piombo.
L’intento della puntata odierna del Rotocalco è quella di darvi un’idea di come si possa “smascherare” una vendita fraudolenta di merce, anche, firmata. Moltissimi di voi saranno già super edotti in materia, ma ripetere, si sa, non guasta mai.
Prima di analizzare l’inserzione per riconoscerne eventuali punti dolenti, passiamo in rassegna le categorie SI (ovvero quelle degli oggetti potenzialmente acquistabili con soddisfazione) e quelle NO (evitare, please, rischio troppo alto). Su Ebay nulla è certo, ci si basa sulla parola, non possiamo vedere o provare l’oggetto..insomma: dobbiamo tutelarci e vincere la fregola d’acquisto, agire col sangue freddo.

CATEGORIE “SI”

– pelletteria (borse, scarpe, cinture, capispalla) nuova o usata (NO LUSSO NUOVO)
– abbigliamento vintage o nuovo
– DIY ovvero, accessori realizzati a mano
– Conteria e merceria
– accessori auto, moto, stoffe.
– smalti, accessori per trucco non firmati rigorosamente NUOVI ed ECONOMICI

CATEGORIA “NO”
– gioielli “trendy” (vedi Tiffany/Breil/DODOPomellato, improvvisamente sono apparsi a prezzi ridicoli, peggio che alle bancarelle!)
– gioielli veri (ebay mette commissioni altissime, chi vende un anello d’oro vero alla metà se deve darne un quarto del ricavato a Ebay??)
– Cosmetici (tranne di cui sopra, spesso sono taroccati, rischiosissimi per la salute, oppure scaduti o, poco ci manca. Usati? ma stiamo scherzando? Altro fattore: si rompono nel viaggio)
– Profumi: ho lavorato nella produzione di profumi superlusso per un bel pezzo, le case come BULGARI/EXTE’/UNGARO/CAVALLI/FERRE’ (per citare quelle con le quali ho avuto a che fare) non permettono nemmeno che esca un coccio rotto dalla fabbrica…non esistono profumi “scappati dal camion”, i tester sono generalmente avvolti in confezioni di cartone marrone, contengono poco prodotto e non poterbbero uscire da dove vengono assemblati senza giustifica…ehm..Rubati?
– Accessori e abiti must have del momento  , o in generale, a prezzi bassi o anche solo un pochino più bassi: è abbastanza evidente la fregatura, no? Se è must have è più probabile che alzino i prezzi giocando con la nostra smania di posssedere un determinato articolo: vedi Chanel con gli ultimi smalti…

– tecnologia/gadget desideratissimi: siete davvero sicuri che si possa acquistare un IPHONE, un GALAXY TAB, a 200€??MA DOVE??

– GRIFFE NUOVE: borsette, scarpe, accessori e abiti di grandi griffe delle collezioni attuali o precendenti di poco, borsette (o scarpe) di LV/GUCCI/PRADA/BALENCIAGA/CHANEL/FENDI nuove o simil nuove….e dove le prendono da mettere su Ebay, stiamo scherzando?
Bene, abbiamo diviso i potenziali affari. Vediamo nel dettaglio come si deve presentare una inserzione generica, e il suo venditore ONESTO.

Quando cerchiamo un articolo su Ebay, possono accadere due cose: o cerchiamo un oggetto in particolare o ci andiamo a “ispirare” navigando liberamente tra le categorie. Il mio consiglio è quello di non vedere Ebay come un supermarket, purtroppo si cade spesso nella tentazione di acquistare un articolo a prezzi insulsi…ma dobbiamo tenere conto delle spese di trasporto (spesso trascurate, causano orrende sorprese..alle volte), eventuali spese doganali, per acquisti oltre frontiera, e reale prezzo del prodotto. Con le idee ben chiare, cercheremo un prodotto conosciuto, della quale qualità siamo ben informati e conosciamo anche il prezzo retail (quello del negozio) come livello indicativo. Nel corso degli anni Ebay è cambiato, oggi dovrebbe essere più difficile trovare oggetti provenienti  da posti sospetti (ma non è detto che non ci siano) o contraffatti e spacciati per originale, ma resta sempre una buona base per le peggiori truffe. Ecco come vi consiglio di agire (specialemente se non siete pratiche):

– IDEE CHIARE Utilizzare Ebay per cercare oggetti che hanno un prezzo troppo alto, ma mai di lusso, (quindi puntiamo sull’usato/pentimenti/collezioni passate-outlet) nei negozi o che non troviamo più. Così facendo sappiamo cosa riceviamo e quanto vale. RIPETO: NO LUSSO.

– SPEDIZIONI  Non farsi tentare da manufatti/prodotti economici provenienti dalla Cina o altri luoghi extra comunitari: le spese doganali sono un salalsso, come la spedizione, l’attesa, e soprattutto: non abbiamo idea del vero valore del prodotto. Abitini super deliziosi, in foto su una modella che sembra uscita da un manga, magari proprio come li cercate voi..a pochi euro..poi vi arriva (esperienza della mia migliore amica) uno straccio cucito malissimo, di pura plastica e per la spedizione son partite minimo 30€. A conti fatti non conviene, se proprio vogliano toglierci uno sfizio ci sono siti dedicati, sicuri e, nel dubbio, recensiti sui blog 😀

– PREZZI L’usato è usato, anche se provate solo per 2 ore al party, le scarpe (in primis) e gli abiti con la sola operazione di “togliere il cartellino” o suola calpestata, perdono il 40% del prezzo di listino. Chi vende una decollete messa solo per ballare (solo?!?) 2 o 3 ore al prezzo originale meno il 20% è una ebayer poco corretta. Mi spiace. Non c’è cosa che tenga: suola usata poco, scarpa al -40%, scarpa usata più di una volta -60%, come minimo! E’ una fregatura vendere un oggetto usato con prezzo superiore rispetto un outlet che la vende nuova! Anche fosse il modello meg-amazing! Stesso dicasi per quei venditori che si spacciano come outlet (ALTO RISCHIO TRUFFA verificare sempre con massima cura i pezzi venduti, confrontarli con foto di google, se non trovate un detto modello è davvero grigissima. i feedback possono essere tarocchi) non devono assolutamente avere prezzi superiosi a venditori autorizzati come YOOX, OUTNET e altri negozi on line.

– ONESTA’ Ponetevi il quesito: come scriverei io una inserzione Ebay? Ecco, se trovate inserzioni scritte in italiano poco chiaro, con grandi o diffusi errori grammaticali (uno di battitura ci sta, due direi anche no), con descrizione diversa dal titolo, foto non presenti, o incongruenti, o peggio! Prese dai siti…NO! Non siamo davanti a una persona che cerca di vendere onestamene, già uno che prende la foto dal sito ufficiale, e non fa lo sforzo di fotografare la sia merce, puzza di truffatore, ESIGETE LA FOTO DELL’OGGETTO, non una sola, ma una per LATO. Leggetevi tutti i feedback, che anche se positivi possono essere stati pattuiti o peggio: FALSI, guardate anche gli altri oggetti venduti, potrebbe vendere per più volte lo stesso articolo.

-CHIEDERE TUTTO E DI PIU’ : l’acquirente ha diritto a  chiedere e  il venditore è tenuto a rispondere in tempi brevi. Uno che non vi da retta, che risponde a metà, che non manda foto…lasciatelo perdere. Crepi nel suo brodo. Io chiedo ogni cosa, anche le più perniciose e strane, riguardo un oggetto, dopotutto l’euro lo caccio io. Eh. Poi vi dico bene cosa chiedere di strategico categoria per categoria.

-PAYPAL: La scusa della ricarica sulla postepay, comoda (??), veloce…Allora, facciamo i conti: costa un euro in più, non siamo tutelati, dobbiamo andare fino alle poste e perdere una fetta di vita pari a due ore in fila…non mi pare una buona soluzione. Ebay non approva questa pratica, in quanto non può trattenere una percentuale sul venduto (il motivo per cui ebay esiste..=_=), e se utilizzate questo metodo siete  FRITTI. Nessuna possibilità di supporto anti frode, in pratica ci voltano le spalle. Paypal dice di coprirci fino a 500€ di spesa, Ebay è felice, il venditore deve accettarlo (infatti da un po’ di tempo per registrarsi come venditore su Ebay devi avere un conto paypal) e noi siamo più tranquille. Ah, per chi non lo sapesse, il conto Paypal si può aprire anche con una carta Postepay, perchè funziona esattamente come una carta di cerdito normale. A prova di scemo. Aggiungo che chiede pagametni come vaglia, bonifico…lasciate perdere. DAVVERO.

FEEDBACK: non sono i millemila feeds che fanno di un venditore il meglio che c’è. Vi ricordo che c’è un modo per aumentarseli per finta: vendite farlocche. Fidatevi solo di commenti sinceri, inerenti all’oggetto, verificate se sono stati rilasciati da più acquirenti: se il 50% dei feeds sono di un tale..beh qualche domanda me la farei. Leggete sempre quelli negativi, a volte può anche essere colpa dell’acquirente..a volte no, quelli neutri nascondo merce tarocca: puntateci gli occhi.

FOTO: perchè noi non possiamo toccare, girare attorno e provare l’oggetto! Fondamentale che l’inserzione abbia una bella foto, scattata dal proprietario, luminosa e dettaagliata: ASSOLUTAMENTE non presa da un sito o da Google. E’ facile, soprattutto per gli oggetti firmati,che un venditore truffaldino prenda una fotografia da Internet, magari pure “casalinga” di qualcun’altro, o peggio! da un altra inserzione, e ci faccia una bella paginetta: voi acquistate entusiasti, aspettate e poi arriva un’approssimazione dell’articolo pagato, diverso se non tarocchissimo.
A me è capitato con una calzatura, la foto (ce ne aveva ben 3!) ritraeva un sandalo Zara beige, mi è arrivato un simile di Bata..vabbè siam rimasti nel circolino come qualità, poteva andare peggio, ma non è una trnsazione corretta. Da allora, per qualsiasi cosa voglia fare un offerta e per qualsiasi importo, chiedo sempre una foto di un dettaglio (è un ottima “scusa” per averne la controprova “onestà”, oltre che un nostro DIRITTO), o più di una, e poi confronto con l’inserzione. So che sembra un comportamento sbagliato, ma la vendita per inserzione comporta autotutela.
Se non le manda: mandatelo a stendere, potrebbe anche non avere l’oggetto e inscenarvi uno smarrimento delle poste, mentre aspettate ignari.

SCADENZA: non fate mai l’errore di “osservare” nel “Mio Ebay” un oggetto che ha scadenza programmata inferiore le 48 ore: dovrete avere il tempo di scambiare info e immagini col venditore. L’ansia da inserzione in scadenza fa compiere gesti folli, anche per articoli “a scatola chiusa”.

Ora che vi ho presentato alcuni parametri per muovervi con maggiore sicurezza, e soddisfazione, non resta che descrivere una potenziale inserzione tipo!

MI metto a scrivere per bene, intanto leggetevi questo sito: contiene info ottime per tutelarsi da “famosi” truffatori di EBAY, alcune pecche circa l’assistenza offerta e l’elenco dei CATTIVI!!

Alla prossima con un’altra puntata sul mondo EBAY!

Baci

Momo

Rasiam… ehm Ridiamoci sopra!

Questa foto l’ho presa di Ebay, stavo cercando qualcosa di sandaloso taccomunito e blu elettrico. Ovviamente questo modello è poraccissimo, anche se, come forma, non fa schifo al primo sguardo. Ho copiato la foto solo per condividere con voi il coraggio di questa donzella (che mi perdoni, ma dopotutto è in ebay-visione):

Non sembra nemmeno avere dei piedi orrendi, poco curati o che so io…Anzi!!
Eppure lassù, presso la caviglia..qualcosa cresce indisturbato..in netto contrasto con la maniacale cura delle estremità, una selva oscura di dubbi e incertezze estetiche: di certo lei ha coraggio (o FOLLIA??) e peli da vendere.

Ah, ma che scema, quest’anno vanno le cose pelose! La pelliccia ecologica, gli stivali yeti, il cavallino…O_o

Baci, cerette e lamette.

Momo

Rotocalco del Gomitolo: Acquistare scarpe on-line

Ciao ;D

Finalmente questo blog sembra prendere forma, e ho già accumulato qualche post di scarpe, benissimo ^_^ però non voglio parlare solo di quelle che ho, ma anche come acquistarle, come ottenere un bel paio di scarpine a pochissimo *_*

Per questo ho aperto la rubrichetta Rotocalco del Gomitolo, una spremuta di tutta la mia esperienza in campo scarpifero…..Via!

Acquistare le scarpe on-line

Ovviamente, se si vuole fare un affare con pochi euro, si tratta, nella maggior parte dei casi, di acquisti on line, e questo presenta qualche difficoltà: la prima di tutte è l’impossibilità di provare l’oggetto dei nostri desideri…come fare ad azzeccare il numero? Le altre sono: quanto corrisponde al vero la foto che sto vedendo? E, soprattutto, come fare a smascherare una foto ingannevole? Ecco qua il frutto della mia esperienza personale in materia: 10 anni di acquisti on line, niente male direi ^_^.

Di seguito, ecco la prima puntata di consigli!

Prefazione, ovvero i rudimenti.

Prima di tutto, selezioniamo con cura i siti dai quali acquistare: affidiamo sempre i nostri (santissimi!!) soldini a persone serie, informiamoci cercando qualche impressione di chi ci ha già comprato. I siti web che vanno per la maggiore sono Yoox (in Italiano) Asos (in Inglese) Miss Selfridge, Dorothy Perkins, New Look (sempre UK) e Ebay. Questi siti sono sicuri, provati io stessa. Per Ebay, non trattandosi sempre di acquisti presso negozi, ma più facilmente di transazioni tra privati, è meglio veicolare i nostri pagamenti a forme quali Paypal: se qualcosa va storto loro rimborsano, ed è il metodo di pagamento ufficiale del sito. Diffidate da chi vuole solo ricariche Postepay: c’è del marcio di sicuro…chi ha una carta Postepay può ricevere anche pagamenti Paypal.

Sempre in merito a Ebay: mai acquistare da inserzioni in super scadenza, anche se si tratta di un affarone: non avrete di sicuro il tempo per fare domande al venditore, e ottenere preziose informazioni sulla calzata, sullo stato di usura, presunta originalità o ulteriori foto dettagliate. E’ consigliabile poi farne tantissime, di domande, al venditore Ebay, mai avere timore, noi paghiamo e abbiamo il diritto di sapere, non si fanno favori a nessuno: a chi fa piacere ricevere una ciofeca? Le domande più furbe sono: lunghezza della soletta interna (da paragonare a quella di una scarpa dello stesso tipo che già possediamo), il livello di usura delle suole e delle punte, per quanto concerne le scarpe usate (anche se dicono “solo provate in casa”). Per le nuove: sempre chiedere lunghezza soletta interna, altezza effettiva tacco e foto dei dettagli. Se si tratta di scarpe firmate: ok sull’usato, qua il prezzo basso ci può stare ma chiedete foto del logo interno e della scatola e del sacchetto antipolvere, poi verificate su vari forum o siti ufficiali se corrispondono al vero. Però, se dicono Louboutin e il prezzo è 200€ per delle scarpe nuove e per di più il venditore ha solo quella roba in vendita o altre marche super in saldissimo….c’è l’inganno….^_^ almeno siatene consapevoli…..

Se effettuate le misure per confrontare il paio “virtuale” con il paio che già avete, come ho già detto, assicuratevi che siano molto simili: una decollete non veste come un sandaletto. E anche il tacco: gioca un ruolo fondamentale sulla misura della scarpa. Che sia al massimo differente di un centimetro. Poi se avete bisogno di consulenza..io son qua ;D

Fondamentale, se non si è mai acquistato on line, è farsi un idea di come calzano i nostri piedi: poniamo che debba acquistare una decollete che ho visto su un sito da cui non ho mai fatto ordini: so che di solito calzo il 37…come fare? E’ molto semplice, ogni casa produttrice ha i suoi modelli, ma di base basta farsi un giro di prova in tutti i negozi che si conoscono. Provare anche le schifezze solo per avere un idea di come vesta il proprio piede: e si vedrà che la deco tacco alto è 37, la tacco basso 38, sandalo 37, stivale 38…e via dicendo. Quindi, ritornando all’esempio: io ho visto la decollete su sito, ne provo una molto simile per tacco forma e materiali e tiro le somme! Considerazioni: controllare con estrema cura le tabelle di conversione delle taglie se sono espresse in altri formati, e ricordarsi che le scarpe di fabbricazione spagnola vestono un numero meno e quelle inglesi mezzo numero meno circa. Altro indizio: le scarpe di qualità vestono correttamente il numero, quelle molto economiche, solitamente, sono un po’ strettine.

Se vi arriva una scarpa che riuscite a infilare ma è stretta di pianta, tranquille, potete farla allargare dal calzolaio con poco, se è troppo corta in lunghezza non c’è nulla da fare, idem per quelle troppo lunghe. Se, invece, puzzano: rispeditele al mittente con un mazzetto di aringhe marce dentro il pacco, e chiedete il rimborso >_<!! Hihihih ;D

Io consiglio sempre di fare acquisti on line con i saldi: ci sono anche le spese di trasporto da contare! Asos costa poco per la spedizione in Italia, idem Yoox, gli altri dipende un po’ dal peso e dimensione del pacco. Su Ebay: se vi fanno pagare le scarpe 1,00€ e 25,00€ di spedizione…io personalmente questo venditore lo picchierei, le spedizioni devono costare al massimo 13,00€ che è già una cifra da corriere…e richiedere sempre la tracciabile o, almeno assicurata, se con le Poste.

Fine prefazione, a presto con un nuovo articolo del Rotocalco, per riconoscere la vera altezza del tacco ;D!

Momo è felice di poter condividere le sue esperienze e spera di essere stata utile ^_^!!

Baci!!

Momo