boots

Grungy boots, 90s are back!

Ce ne siamo accorti tutti, va lo stile grunge.

Tartan e pelle, nera, rigorosamente rivisitati in chiave sexy: impossibile non accorgersene! I negozi scoppiano di trame scozzesi (soprattutto nella declinazione classica rossa) magliette di gruppi musicali (spero che chi le indosserà almeno un minimo di curiosità e….no niente. Tempo sprecato), magari effetto used e svangate, top microminimi e corti, gonne cortissime e aderenti e…stivaletti stringati/con fibbie che poco hanno a che fare con i bikers che siamo abituati a digerire nella folla urbana attuale. Urgono un paio in scarpiera ma sbagliare e pentirsene è facilissimo! Analizziamo le scelte:

#Oculata Omologazione

Schermata 2013-10-03 a 22.41.12 Schermata 2013-10-03 a 22.43.11 Schermata 2013-10-03 a 22.44.50

Partiamo dal ritorno (se ne sono mai davvero andate) delle Doc Martens, scarpa simbolo degli anni 90, di tantissime sottoculture giovanili. Sono cresciuta con loro: chi le scoloriva, chi le tagliava, chi le riempiva di chiodi e metalleria varia, scritte, toppe…(sì sopra le scarpe), lacci colorati ed esageratissimi. Oggi per fortuna sono richieste dalla Signora Moda almeno in chiave sobria: nere, allacciate morbide, classico 8 buchi (le Docs non si chiamano “alte” o “basse” ma in base ai buchi dei lacci ;D ) rigorosamente con calze nere velate, microrete o addirittura effetto pizzo!

Ok, esistono di mille colori, ma se vi va di sentire un consiglio: le Docs sono le Docs per come sono fatte, prima di esserlo per il loro design: sono in pelle, la suola è super resistente e brevettata e hanno (alcune) la punta in ferro…sono pensate per lavorare. Durano i secoli. Visto il loro prezzo non schifosamente alto, e la loro longevità anche nelle varie mode, le prenderei originali. Colore? Lascerei i più pazzi alle giovanissime e a chi ha proprio la necessità biofisica di attirare l’attenzione altrui, quindi: nero per sempre, oxblood (rosso cupo intensissimo, quasi bordeaux) per chi ha una vena vintage uno stile più accentuato e le tapestry  (quelle effetto divano, per capirci) per chi ha l’anima romantica. Basta, non ci sono altre sfumature degne di essere ricordate.

 

#Differenziarsi senza Designer Emergenti/Emergenze finanziarie da Designer

Schermata 2013-10-03 a 22.57.58

 

Bershka, possono vederlo tutti ed è chiaramente pop. Ma è strano il giusto: allacciato e con le fibbie, timburtoniano e molto avvitato sulla caviglia. Puntale basso e tacco effetto artigianale. Non male, abbiamo molte carte a suo favore, ma per renderla al meglio va portata solo con la gonna, meglio corta, calza trasparente (lavorata o meno). Con un paio di jeans le saprebbero abbinare tutti, e scadrebbe in pochi secondi nel biker lowcost. (qui 80€)

 

#OLD BUT GOLD: 

 

 

Schermata 2013-10-03 a 23.27.14

Si tratta di una scarpa che ha fatto furore negli anni 90, ma che nasce molto prima. Lo stivaletto alla beatles, quello che ha un filo di tacco (2/3 cm quadrato, alle volte rientrante) e la struttura molto “intera”, senza decorazioni o cuciture. Rigorosamente nero! (quello marrone è altra storia, è un altro filone) Perfetto con i jeans, meglio se effetto leggermente acid wash scuro. Camicia flanellata scozzese/maglietta a righe per essere over the top. Almeno per il mio gusto. Questi sono di Mango e hanno l’elastico coperto con striscette di pelle per camuffarlo, esistono anche (altrove) con l’elastico tutto esposto e magari colorato a contrasto.  (qui 90€)

Quindi ci siamo capiti? Queste sono le regole base per lo stivaletto nero dell’inverno 2013/14. Trust al Gomitolo che ha un fiuto pauroso.

 

Ah, mi state chiedendo quali vorrei se potessi sceglierne un paio in regalo? Beh….I chelsea 😉 (porto il 38 di Mango, grazie)

 

 

Domani state tonnati che posto una roba interessante.

 

Momo

 

 

 

PITTARELLO ROSSO: anticipazioni Fall-Winter 2013/14

Eccoci con il consueto appuntamento Pittarello Rosso, e cosa posso postare visto che siamo da poco approdati a Settembre? No. Non i sandali…ne ho fin sopra le orecchie di giornali che mi mostrano cosa avrei dovuto prendere e che non ho potuto in quanto..beh molto povera.

Allora, ho giocato pesante! Mi sono presa una primizia per l’autunno inverno la scorsa settimana nel centro commerciale “Il Leone” di Lonato (sul Garda) una cosa pazzesca, un tripudio di negozi di ogni genere, in pratica: una trappola per i soldi! TRUST ME!

Avevo un obiettivo: stivale bello cattivo, basso, un po’ rock, che non fosse il solito biker nero.

Ho trovato immediatamente una risposta nelle anticipazioni d’autunno che iniziavano a farsi notare tra gli ultimi sprazzi di saldi:

Schermata 2013-09-04 a 23.51.25

Stivale al ginocchio in vera pelle tosta con impunture tono su tono e taglio biker/cavallerizzo, una zip in metallo dorata come decorazione e una mezza zip invisibile interna per aiutare la calzata (sono a tubo)

Schermata 2013-09-04 a 23.50.45

Nello stesso identico modello esistono anche con un filo di tacco (sempre grosso) in più sui 5 cm, e la suola liscia, per uno stile sempre aggressivo ma più dressy e slanciato

Schermata 2013-09-05 a 00.07.13

Me la credo un sacco!

 

Siccome non è ancora stagione, mi diletto con i Polyvore ^_^ ecco come li vedrei bene:

Schermata 2013-09-06 a 10.46.31

 

In ogni caso, sono già disponibili nei punti vendita, il prezzo è sotto i 100€ e per uno stivale di pelle così ben fatto è un super affare 😀 (94 euro e qualcosa se non erro)

Adesso mi servirebbe solo un bel biker marrone, e stavo giusto adocchiando…

Schermata 2013-09-05 a 00.40.31

*^* la mia prossima preda!! Un marrone scuro con dettagli ottone e altezza caviglia! Perfezione!

Ma cosa sta succedendo al gomitolo che si mette a guardare le scarpe basse? Beh semplice, anche il parco scarpe comode ha la sua importanza! E poi si cresce eh U.U, no beh…che cazzata, io che cresco.

Baci

Momo 😀

Rotocalco del Gomitolo: Gli essenziali per la brutta stagione 2012/3

Troppo che non scrivo, un mese.

Non vi nascondo che sto malissimo ed è un periodo di bitume, ma tiriamo avanti. La salute ha la brutta mania di ritorcetisi contro, si continua.

Sono qua, tornata e spero ben carica, per parlarvi di cosa reputo fondamentale per questo inverno 2012/3, secondo l’ottica gomitola: un pizzico fashion, due tazze vintage style e un sacco DIVA.

Rasoterra, cioè siamo seri: servono anche le scarpe senza tacco.

-Un paio di stivali neri in pelle morbida ma non caduca, liscia o martellata che sia, ben aderente la gamba. Un modello da cavallerizza con un apporto di Military Chic che non guasta.  Una fibbietta è il tocco perfetto, oro o argento, per l’HW,  sarà il vostro mood a deciderlo.

No a borchie o punte o eccessiva metalleria, si parla di un modello classico, insomma prendete quel rutto di Givenchy alla maniera di AstroBoy…ecco, però normali.

Questo modello di Gucci è perfetto, in tutto e per tutto, usatelo come esempio. NO a roba western, come tagli a coda di rondine sull’apertura superiore, punte o tacchi rientranti. NO. Tacchi appena accennati classici da scarpa bassa, o da uomo fate voi, punta a mandorla e avviluppati allo stinco per bene, l’idea cinghietta è molto WOW, cerchiamo di non renderla troppo appariscente. Ah, questi costano 1150€ QUI.

-Ballerine color vinaccia estremamente minimal.

(nel post sotto, quelle di ELE HAND MADE, sono perfette)

Passiamo ai tacchi, che ho già la depressione a cercare un altro modello senza tacco.

Siete pregate di procurarvi un paio di zeppe decollete, altissime e molto cattive. Io ho quelle di Giacomorelli, sia chiuse con dettaglio arancio che peeptoe con zeppa gialla (le peeptoe le ho da poco prese sul fighissimo sito TREMOLINI), e le stra-amo , ma punto a prenderne anche un paio con cinturino alla caviglia. L’ideale è con tomaia in velluto o suede, ma fate vobis. MEGA ALTE, non si accettano mezze misure, la zeppa se si sfina nella parte posteriore è meglio.

Aperte chiuse…è indifferente. Questo modello, copia della proposta Zanotti dell’anno scorso/due anni fa, lo si trova  a poco su Ebay.

Colori ammessi: borgogna, verde scuro, blu di prussia, nere e se proprio ve la sentite viola. Ottimo se c’è il piping dorato.

Ah….le heelless, quele schifezze che sembrano mancanti di una cucchiaiata di tacco dietro…ma per favore. Grazie.

– Una deco/scarpina aperta in VELLUTO

Allora, il velluto IMPERAT, non ci sono quarzi, una scarpa in questo materiale è obbligo per la GomitolBruttaStagione, meglio se dalle forme un po’ tozze (tacco grosso, ma non giga, e plateau medio con punta tonda). Amo le scarpe a punta, ma il velluto non è loro amico. Gucci ha tirato fuori una chicca da paura, una scarpa che grida COMPRAMI da ogni singolo acaro insidiato nel peluria setosa, ma 550€ ragazzi. Magari per Natale, se trovo un sacco di denari.

LA PERFEZIONE. Anche in rosso, notare lo scollo da vera Diva-WOW:

Anche queste mi fanno sbarellare (sempre Gucci, un pugno di € in più):

Comunque, tacco perfetto, vintage allure da panico, l’ideale è che siano nelle vostre corde: il velluto non perdona e se la scarpa non convinve fa zozzata da camera cheap. Scegliete con cura e con cuore.

Se siete delle Queen, le Kirkwood qua sopra saranno il vostro pane.

Per ora credo sia tutto, anche se pensavo alle trame della pelle…o ai tessuti, ma mi serve un altra settimana.

In questi giorni si parlerà di SHOE REVIEW, sì signori vi recensisco le scarpe.

Le scarpe della Ferragni. IO LE HO COMPRATE SOLO PER VOI.

Baci,

Momo

Piccolo Intermezzo Fashion: ragioniamo insieme :D

Grazie ad un post su facebook di Fashion is My Way di Cristina Legnini (un ottimo blog, ricco di spunti e di un certo spessore: PAGINA FACEBOOK e LINK, io vi propongo solo roba buona) ho avuto l’illuminazione.

L’immagine incrimitata è la seguente:

Questo è lo stivale che Givenchy propone per questo inverno 2012/13. Un normalissimo stivale al ginocchio con tacco di medio spessore da 10 cm….con risvoltone fino al pavimento.

Ora, lasciate che dica una cosa:

ASTRO BOY

Uguali, nevvero?

Impressionante. Comuque analizzando il lato pratico posso dire che sono mal progettati…..allora: lo stivale in cuoio con l’utilizzo si raggrinza. Non ci sono cazzi. Sulla caviglia, soprattutto, perché abbiamo una cosa chiamata GIUNTURE che ci consentono di muoverci. Questo stivale secondo voi quanto tempo resterà stirato? Un ora? Dieci minuti? 1600$ e fischia per un coso che si comporta come il più fetente degli abiti in lino? Magari mi sbaglio, ma vorrei vederli all’opera.

(e se uno pestasse una cacca? Gli arriva al ginocchio per effetto della capillarità?? O_O)

Baci,

Momo