Low Cost

PITTAROTTO, la Leggera Danza del Marketing Sbagliato

Qui non si parla di PittaRosso, anche perchè ne abbiamo già detto a sufficienza su quel brand, cose carine, concetto negozio simpatico, team giovane..spot pubblicitari da neuro.

A scanso di equivoci ho messo in grassetto la frase soprastante, che apriva il post. SIA CHIARO PARLO DI PITTARANCIO (lo possiamo chiamare così??) e me ne sono resa conto, tipo da sempre 😀 C’era già, eh, la frase.

 

Ma poi, onestamente dico.. nella mia città, con la Ventura, e quella DANZA. La danza sacra dei Maori spogliata della sua dignità guerriera e immolata nel nome del pronto moda calzaturiero.

Scusate, ma è un duro colpo. —> qui giustamente mi vergogno di quello spot.

 

Oggi non voglio mica sputare nel piatto dove ho mangiato, anzi! PittaRotto è l’altro fratellino, quello confuso. Quello che ha sempre il reparto saldi con le meraviglie dello scorso decennio.

Ho grassettato l’altra frase che poteva aiutare a targettizzare la nostra vittima, che poi è solo un bonario perculo da 4 soldi 🙂 

 

Non ci credete? Volete le prove?

E bravi, non vi fidate, voi: giorni fa io e la mia copilota Melania, temeraria paladina della comunicazione Social, siamo atterrate nella perdizione chiamata Centro Commerciale di Pieve Fissiraga…un po’ di shopping sano e poi un salto nei negozi appena fuori.

Meta irrinunciabile della nostra spedizione PITTAROTTO!

Subito abbiamo cercato di ispirarci con le proposte estive, ma, ahimè, un potentissimo schiaffo petrolato/chimico/resinoso ha steso i nostri ricettori olfattivi e disintegrato la connessione occhi/cervello…

Un carnevale di Rio di modelli davvero irrinunciabili per ogni Signorina Per Bene a base di buongusto discodance anni 80. Ma forse anche peggio.

Noi li abbiamo toccati con mano, io anche con piede e mi sono immolata alla causa facendovi da specialissima modella, con tanto di piede gonfio e stampini del calzino.

PRONTI??

 

Alla posizione numero UNO abbiamo la meravigliosa decolletee con chiusura artistica, in giallo Titti, frutto dell’attesissima collaborazione con IL PULCINO PIO. Acclamato all’unanimità da entrambe noi Shoes Watchers

Notare il laccio dietro la caviglia (sì c’è uno slingback completo) sotto la talloniera da ballerina di tango. Io nonho caviglie fini e qui il piede era un po’ lessato dalle scarpe da ginnastica all day long, però non chiudersi comode all’ultimo buco..mi chiedo su quale modello siano state elaborate. Il mix tra Vernice e suede le rende adatte a tutte le stagioni e la comodità, comparabile solo agli stivali della prima guerra mondiale, non fa rimpiangere nemmeno il tacco 12. TRITANO I PIEDI.

GIALLE DEF

 

 

(che con un filo di restyle non sarebbero nemmeno brutte..CONSIGLIO: decidersi sul tipo di chiusura sul tallone)

 

Al secondo posto la scarpetta perfetta per le tacco-free, una bella ballerina rossa rossissima tutta brillantinosa:

doroty.001

 

 

Un carnevale cinese ai piedi, esplosioe di luccichìo dorato su fondo rouge, fiocchetto attaccato a caso ma con garbo e suola in adamantio: impossibile da piegare, piuttosto si spezza. Il 37 mi stringe in una morsa di dolore, ma avanza un cm in lunghezza. Mistero.

dorothy2 (1)

 

La punta è quasi arte.

Stanno iniziando i Mondiali, siamo quasi lì-lì. E dobbiamo farci mancare la scarpa Patriottica??? Su gentile suggerimento della mia Co-Pilota si aggiunge questo modello alla prova:

NOOOOO!

 

patrio (1)

 

 

Vernice color latte alpino, tacco e soletta in verde Pistacchio di Bronte e plateau rosso metallizzato degno di una mascherina veneziana. Un trionfo italiota, pieno di luoghi (non per forza comuni) e cattivo gusto. Il PIEDE PATRIO!

patriottiche.000

 

Un peeptoe scarso, una calzata più aderente di un placcaggio e un insospettabile leggerezza, in fondo eran le più comode.

Solo per total black look, al limite blue Savoia.

 

E per la Seratona Trasgressiva?

Uno Zoccolo aggressive, pieno di amore per il pericolo (sfido chiunque a restare in equilibrio su quel plateau a cucchiaio di Totti) e sfontatezza tutta femminile. Con un tocco goth-gore….

 

piedeputr.001

 

 

La vernice leoprint in grigio, la suola in finto legno che nemmeno le tv Telefunken ann 70, i chiodini cattivelli e il fiore spudorato….

Cosa nascondono?

putrefatto2 (1)

 

Melania, che ha assisto allo spettacolo con un comportamento ineccepibile ha esposto la sua opinione in modo schematico ma efficace, qualcosa che potrebbe essere stato un titolo da Factory di Warhol: Piede Putrefatto

Perchè sì, nessuno attribuisce tanta morte alla forma di un povero piede come questi sandali dalla suola “ottovolante” e con la tomaia di puro Eternit.

 

Queste bellissime creature possono essere vostre per un prezzo inferiore alle 50€ cad, se siete pazienti con i saldi ve le portate a casa con meno della metà. Non serve agitarsi, sono lì forse dal 2002.

Un sorriso alla regia:

sorriso

Non è che mi riesca sempre sorridere, ma ci provo 😀 

Saluti  baci,

Al prossimo Gomitol-spy Game

Segui l’hashtag #pittarotto nei prossimi giorni su Instagram, il mio account è momoilgomitolo, per vederne di belle oppure posta un tuo contributo: un rutto epico calzaturiero immortalato solo per noi. Ti prego, sii gentile.

 

 

 

 

Il Rape-Maglione, dall’universo KAWAII giappo alla moda nostrana. HOW TO

Chi di noi non ha un vecchio maglione di lana overoversize gigantoso sformato ma comodo come un abbraccio?

Ok magari è pure infeltrito e pieno di pallini, o ha una fantasia orrenda degna di Bill Cosby nei suoi outfit migliori.., no non intendevo proprio quello ma ci andiamo vicini: il maglione sformato con il collo largo, la vestibilità molliccia e le maniche un filo lunghe è super hot in questa stagione, e ora che posso permettermi un capo oversize senza sembrare che stia nascondendo un rotolino di troppo ne voglio uno con tutta me stessa…ma …perchè l’ho chiamato Rape_maglione??

L’etimo lo devo ad una persona che così l’ha definito, in effetti questo genere di maglione si porta (almeno negli scatti kawaii che appestano i siti di noi jappofili) con una spalla scoperta, un po’ cascante e con le mani coperte un po’ dalla manica in eccesso, è tutto amore cuoricioso, ma pare davvero da vittima di acre e sofferta colluttazione… So bene che interpreto sempre tutto a modo mio,  in realtà sarebbe street wear da gran guru della mode ecc ecc, che palle. EH. Fottesega a me piace.

I requisiti perchè un maglione largo e sformato possa diventare ufficialmente un Rape_Maglione??

LARGO, ma non troppo! —> deve cadere morbido, accompagnare le forme ma non essere un sacco, meglio se in un filato che non insacca, come fosse l’angora…tipo.

COLLO GRANDE, ma tondo, non scollato sul seno e assolutamente non a V!

MAGLIATO MEDIOGRANDE: rende bene se magliato grossolano, meglio ancora se con lana/viscosa modello peloso/peluche

MANICHE LUNGHE OLTRE IL POLSO: non sono ammessi 3/4 o altre brutte cose.

FANTASIA: meglio se a fantasia grande, tipo con un orsetto, un coso carino, i cuori, le caramelle, i gatti, insomma deve fare tenerezza. NO LEOPARDATO NO!

COLORE: come meglio credete.

DOVE SI TROVANO? *^*

Il primo l’ho provato da OVS, della collezione Baby Angel, stato panicando non la facessero più, fiuuuu °_° ho l’armadio pieno di quella roba non potrei accettarlo. L’ho provato per scherzo, aggiungo e…oh my god…AMORE!

2013-10-21 17.38.47

(Oh-Hay bimbaminkia ❤ )

2013-10-21 17.38.57

E’ come indossare una coccola floffosa.

DEVO AVERLO! 39 euro sono troppissimi per questo gomitolino qui. ç_ç sigh

Li hanno anche da Terranova:

Vari modelli, stessa solfa, sono abbastanza carini, certo non rifiniti bene come il modello che ho provato lì sopra, ma possono andare..

terranova

terranova2

terranova3terranova4

Troppo amore maglionico, anche da H&M hanno un po’ di robetta carina, ma l’unico che mi ha entusiasmata sul loro sito è questo:

HM

Ma anche questo in ciniglia (CINIGLIA?!?!?! Andavo alle medie ç_ç non sono pronta..)

HM2

(la composizione, RIDO)

Caruccio e per adesso il più economico, mi spiace per la schiena della modella, l’avran cresciuta dentro il forno, povera.

Zara non ci guardo perchè tanto costa troppissimo.

COME SI METTE?

Grossa, importatissima domanda: siccome è molto voluminoso sconsiglio di abbinarlo con gonne vaporose o pantaloni in tessuti importanti, tipo il velluto…fa troppo primi anni 90 e non ci siamo proprio con il kawaii, scusate. Il mio consiglio è abbinarli a short in pelle, o simile, jeans spalmato, jeans normale effetto distrutto, tutto sempre skinny o short. I leggings sono ideali se slanciano, tipo in tessuto lucido (sempre ecopelle..) a trama fina effetto pizzo, il classico nero anche se fa effetto: ho l’influenza e mi fa male la schiena. Bisogna calibrare l’effetto “bimba buona” del maglione con qualcosa di sexy, per bilanciare bene il tutto. Calze: velate nere, microfibra 30 den colorata se siete in vena, l’ideale è quella classica con pois, cuoricini, insomma vince il diabete.

SCARPE!

Allora, è un abbinamento molto difficile…non è una cosa che lascia il prossimo tranquillo del tutto, quindi non metteteci il tacco da gara o lo stivale alto sopra il ginocchio…NO! Scarpe basse, massimo con tacchetto 5/7cm a cono o quadrato, non fine, e magari sul genere dello stivaletto vittoriano, trekking rivisitato o biker liscio, se siete delle maghe lo scaldamuscolo è la ciliegina.

ideamaglione

Le kitty ears anche ❤

Le Scarpette le fotografo domani che magari non piove ❤

Bacini

Momo

Grungy boots, 90s are back!

Ce ne siamo accorti tutti, va lo stile grunge.

Tartan e pelle, nera, rigorosamente rivisitati in chiave sexy: impossibile non accorgersene! I negozi scoppiano di trame scozzesi (soprattutto nella declinazione classica rossa) magliette di gruppi musicali (spero che chi le indosserà almeno un minimo di curiosità e….no niente. Tempo sprecato), magari effetto used e svangate, top microminimi e corti, gonne cortissime e aderenti e…stivaletti stringati/con fibbie che poco hanno a che fare con i bikers che siamo abituati a digerire nella folla urbana attuale. Urgono un paio in scarpiera ma sbagliare e pentirsene è facilissimo! Analizziamo le scelte:

#Oculata Omologazione

Schermata 2013-10-03 a 22.41.12 Schermata 2013-10-03 a 22.43.11 Schermata 2013-10-03 a 22.44.50

Partiamo dal ritorno (se ne sono mai davvero andate) delle Doc Martens, scarpa simbolo degli anni 90, di tantissime sottoculture giovanili. Sono cresciuta con loro: chi le scoloriva, chi le tagliava, chi le riempiva di chiodi e metalleria varia, scritte, toppe…(sì sopra le scarpe), lacci colorati ed esageratissimi. Oggi per fortuna sono richieste dalla Signora Moda almeno in chiave sobria: nere, allacciate morbide, classico 8 buchi (le Docs non si chiamano “alte” o “basse” ma in base ai buchi dei lacci ;D ) rigorosamente con calze nere velate, microrete o addirittura effetto pizzo!

Ok, esistono di mille colori, ma se vi va di sentire un consiglio: le Docs sono le Docs per come sono fatte, prima di esserlo per il loro design: sono in pelle, la suola è super resistente e brevettata e hanno (alcune) la punta in ferro…sono pensate per lavorare. Durano i secoli. Visto il loro prezzo non schifosamente alto, e la loro longevità anche nelle varie mode, le prenderei originali. Colore? Lascerei i più pazzi alle giovanissime e a chi ha proprio la necessità biofisica di attirare l’attenzione altrui, quindi: nero per sempre, oxblood (rosso cupo intensissimo, quasi bordeaux) per chi ha una vena vintage uno stile più accentuato e le tapestry  (quelle effetto divano, per capirci) per chi ha l’anima romantica. Basta, non ci sono altre sfumature degne di essere ricordate.

 

#Differenziarsi senza Designer Emergenti/Emergenze finanziarie da Designer

Schermata 2013-10-03 a 22.57.58

 

Bershka, possono vederlo tutti ed è chiaramente pop. Ma è strano il giusto: allacciato e con le fibbie, timburtoniano e molto avvitato sulla caviglia. Puntale basso e tacco effetto artigianale. Non male, abbiamo molte carte a suo favore, ma per renderla al meglio va portata solo con la gonna, meglio corta, calza trasparente (lavorata o meno). Con un paio di jeans le saprebbero abbinare tutti, e scadrebbe in pochi secondi nel biker lowcost. (qui 80€)

 

#OLD BUT GOLD: 

 

 

Schermata 2013-10-03 a 23.27.14

Si tratta di una scarpa che ha fatto furore negli anni 90, ma che nasce molto prima. Lo stivaletto alla beatles, quello che ha un filo di tacco (2/3 cm quadrato, alle volte rientrante) e la struttura molto “intera”, senza decorazioni o cuciture. Rigorosamente nero! (quello marrone è altra storia, è un altro filone) Perfetto con i jeans, meglio se effetto leggermente acid wash scuro. Camicia flanellata scozzese/maglietta a righe per essere over the top. Almeno per il mio gusto. Questi sono di Mango e hanno l’elastico coperto con striscette di pelle per camuffarlo, esistono anche (altrove) con l’elastico tutto esposto e magari colorato a contrasto.  (qui 90€)

Quindi ci siamo capiti? Queste sono le regole base per lo stivaletto nero dell’inverno 2013/14. Trust al Gomitolo che ha un fiuto pauroso.

 

Ah, mi state chiedendo quali vorrei se potessi sceglierne un paio in regalo? Beh….I chelsea 😉 (porto il 38 di Mango, grazie)

 

 

Domani state tonnati che posto una roba interessante.

 

Momo

 

 

 

Settembre: cambio d’armadio, o quanto meno..Wishlist ;)

Il Gomitolo si sta impegnando per buttare giù la sua sua wish list autunno inverno, un po’ perchè è senza vestiti un po’ perchè ha leggermente cambiato stile…eh dieta, fisico nuovo, insomma serve una bottarella di autostima!!

Allora siccome non mi sono molto sintonizzata sui canali canonici della moda (siti, negozi e giornali), vista la mia paurosa situazione economica non mi sembrava molto furbo stuzzicare la mia fregola da shopping, mi sono fatta influenzare solo dal mio solito stile manga e vintage like con qualche aggiunta fresca di stagione presa dai polyvore nord europei…insomma…vediamo un po’.

VESTITI ❤

Non mi posso permettere un nuovo assortimento di straccini ma sfruttando le vecchie glorie di qualche anno fa (almeno allora compravo abiti di qualità) che mi si chiudono nuovamente addosso con qualche piccola aggiunta posso andare avanti tutto l’inverno! Ho recuperato tanti jeans con i saldi di fine agosto, quelli più strong, per davvero pochi euro, ho ripescato qualche bel maglioncino dal mio cassettone, un paio di camicine neutre, e alcune gonne..mi mancava una gonna blue non troppo svasata e una nera…quella blue l’ho trovata per un prezzo ridicolo in una specie di outlet dell’ovs, a San Martino (Lo), è troppo carina in tipo lana con dettagli in ecopelle marroni ❤

Schermata 2013-09-09 a 16.12.12

 

 

(foto penosa, ma la luce è quella che è :C e da stirare è una tragedia)

Per quella nera, pensavo a qualcosa di decisamente rock! Una bella gonna in pelle, esattamente quella che ho usato per il Polyvore del post Pittarello, nera, liscia con dettagli zip, è di Mango e costa circa 60€, non tantissimo per il materiale (vera pelle) ma per adesso è un po’ dura, la stessa in tessuto tartan costa 30€ e sarà molto probabilmente il mio sfizio di Ottobre XD

Quel polyvore non era un caso, punto anche una camicia in denim leggero, non larga, che con le tette che ho poi mi fa difetto, ma nemmeno country, insomma…sarà difficile, e una tartan, ovviamente!

Mi piacerebbe un bel vestitino in stile militare come questi della marca Inglese Bench, in Italia l’unico punto vendita è sulle Dolomiti…mi tocca e-commerciare. I prezzi non sono molto economici, ma sono anche ben fatti.

Sicuramente una nuova partita di maglioncini leggeri, sarebbe il top in cachemire…ma ecco mi sa che andrò sulla viscosa del mercato XD Ovviamente nei soliti colori: nero, grigio medio e blue. Ho definitivamente bannato lo scollo a V, no…non mi piace. Scollo rotondo largo, perfetto sia da solo che con le camicie, e soprattutto poco cleveage tettoso. Non mi farò mancare un paio di maglioncini nella medesima forma ma con delle fantasie, tipo cuoricini o idiozie del genere.

Cardigan a righe marroncine! Lo volevo ed è arrivato *^* regalo di Mamy da Palma ❤ con magliettina abbinata, esplodo di felicità!

Schermata 2013-09-09 a 16.11.15

ACCESSORI:

Calze velate (nere)! Essì, non posso rinunciare U.U è il loro turno, le sceglierò lisce al massimo con riga dietro. O pois/cuoricini. Le fantasie stile Goldenpoint non mi si addicono purtroppo :C

Schermata 2013-09-09 a 16.02.18

 

 

(immagine: diariodiunastakanovista blog)

Però ho preso delle calze effetto parigina su calza velata nera che sono un amore e delle calze da reggicalze, sì! Il Gomitolo torna in carreggiata con il suo bravo reggicalze.

Cerchietti molto dark, scuri con fiocchi o piccole decorazioni.

Borsette piccole: non ne ho :C e spero in qualche colpaccio da mercatino (ne ho uno vicino a casa *^*)

SCARPE!!

Riprendo il discorso del post sugli stivali: mancano i bikers marroni, bassi e con dettagli ottone, poi…beh voglio tacchi bassi. Nel senso kitten heels…starò diventando pirla, ma è così! Dovrò fare ordine nella mia scarpiera e mettere in vendita qualche bellezza che non posso onorare a dovere e fare spazio (ahah io dico scarpiera ma sono due, ehm 3 case) alle novità: maryjane molto cartoon in vernice nera! Esattamente queste Clarks modello Chorus:

Schermata 2013-09-09 a 15.29.47

 

 

Sono carine anche color sabbia *^*

Schermata 2013-09-09 a 15.30.10

Poi una deco rosso ciliegia stesso discorso per il tacco, ma magari a punta corta con tacco a cono

Schermata 2013-09-09 a 15.33.21

 

 

(Daphne di Miss KG, trovarle =_=°)

Magari anche marrone….ecco, Clarks a parte spero davvero in qualche occasione Ebay XD non ci voglio spendere troppo! Ho altri progetti ❤

Non preoccupatevi, non sono diventata allergica ai tacchi XD semplicemente lavorando in piedi tutto il giorno non posso più permettermi la falcata da tacco 12 così spesso 😉

Per adesso, stop, arriverà il bollettino di novembre con la wishlist cappottosa XD!

Baci,

Momo