Buoni Propositi per questo nuovo Anno – Un post Cretino.

Come la mettiamo con i buoni propositi?

Siete parte di coloro che ancora stilano una bella lista al 31/12 alla Bridget Jones sull’ultima pagina del diario, o su quella del blog alla Sarinski (lovvoti, amour :**), oppure sul tavagliolino di carta del cenone da bruciare allo scoccare della mezzanotte con un rito tutto personale??

Bene, io generalmente no, ma questa volta (complice il mio blog e l’ispirazione della Sarinski già sopra citata) ne ho preparato qualcuno. In ritardo, ovviamente:

Cominciamo:

– Dieta (sempre, inossidabile mio nemico ADIPE, ti combatterò)

– Imparare una lingua straniera oltre all’inglese. E migliorare l’inglese.

– Trasferirmi a Torino, a costi di lavorare per Merdionne.

– Sperare e fare in modo di trovare un lavoro che non abbia a che fare con quello citato qua sopra.

– Cucire Cucire Cucire!! Basta scuse!

– Spiegare ed insegnare alla Gatta che il Mio The della Colazione non è un pubblico abbeveratoio.

 – Comprare delle scarpe assurdamente belle

– fondare una “Dream Bag* Jar” e riempirla, un metodo che funziona, pare. Per comprarsi un PRADA, epica e per sempre.

– Non fare mai più regali, per qualsiasi evenienza, a persone che ti considerano più scema di loro. Sono da comprendersi anche familiari, se rientrano nel gruppo.

– comprare solo mutande comode e carine, caro Intimissimi hai finito di fregarmi con le tue, per quanto carinissime, creazioni in petrolio filato.

– mandare a quel paese la macchinetta degli snacks dell’ufficio: le tue prelibatezze “50% olii vegetali E NON” ficcatele dove dico io. Nella presa.

– Trovare stivaletti in suede nero spuntati di mio gusto, credete sia facile? DavverOH?

– Comperare salviette intime per la Gatta. Non ha mai imparato a pulirsi come tutti i gatti, la schizzinosa, e la carta igienica umida peggiora solo le cose.

– provare almeno una volta a lavarsi i capelli con il sistema CO-WASH, e tirare le somme sul suo presunto miracoloso effetto.

– Comprare solo i vestiti che mi vanno bene, almeno finchè non torno “ricca” come prima (2008/2009).

– Essere meno carina&pucciosa  e diventare decisamente più stronza&cattiva con chi mi tratta male, chi mi insulta alle spalle e ne ho le prove, le mie colleghe (maledette stronzone), certi familiari (consanguinei e acquisiti) e gli sconosciuti maleducati.

– comprare anche dei calzini NON imbarazzanti.

– imparare ad usare la lavatrice e comprarsene una, che il bucato a mano è roba ottocentesca. Dopotutto non è antropofaga, sembra. Calzinofaga, si.

– Continuare a credere in me stessa e nei miei progetti!

Ottimo, adesso mi sento meglio 😀

…dimenticavo:

– comprare a Micia solo cibo che non favorisca il meteorismo intestinale.

Momo vi saluta, con tutto il cuore ^_^

Dopo questo post idiota, seguiranno scritti molto pià interessanti: a breve, per esempio, una puntata del Rotocalco!

Baci,

Momo

* ognuno con la sua “Jar” ci fa quello che vuole. DISCLAIMER: la “jar” è un vasetto/contenitore richiudibile, in cui vanno messi denari risparmiati. Si sa mai cosa si arrivi a pensare…

Annunci

9 comments

    1. ma come si fa a resistere a calzini con muffin, biscotti, cupcake, ancore, stelline, gatti, impronte feline, caramelle, frutta varia, cuoricini ect.. nei colori più squillanti?

      Dico..è impossibile. Come le mutande di Oysho o quelle di accessorize…ç_ç siigh le vorrei tutte!

    1. Ommioddyo devo avere anche io questa soddosfazione!!
      Sceglierò un vasetto piccino proprio per la soddisfazione di vederlo riemprsi alla svelta: poi travaso senza contare. Qual gaudio *O*

      hahahahahaha
      Poi dimmi cosa ti ci prendi. eh!

      Baci,
      Momo

  1. Molti dei tuoi buoni propositi potrebbero essere anche i miei. Dico potrebbero perchè non sono solita farli…tanto poi non li rispetto 🙂 Cerco di andare avanti giorno per giorno e fare del mio meglio insomma 🙂

  2. Fighissima l’idea della Jar, un po’ come il vecchio maialino di terracotta.
    Mi piacciono i tuoi propositi 😉
    Io non ne ho fatto nessuno ragionato… Ma uno su tutti imperversa ora che ci rifletto:
    Non spendere Più di quello che guadagno.

    E ancora un paio:
    Imparare ad amministrare in maniera più saggia le mie entrate e le relative uscite…
    Non bere più di quello che posso reggere 🙂

    Pero’ mi permetto di consigliarti di non diventare più cattiva o stronza, tanto ci sarà sempre chi è più stronzo di te.. Magari cerca solo di avere meno aspettative dal prossimo, familiari compresi, che forse è anche più difficile 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...